• Perspective

Perspective

01.12.2001

Kim H. Veltman

La ricostruzione storica delle città attraverso i metodi computerizzati

Keynote published in: Congresso Internazionale di Studi in onore di Eugenio Battisti.
Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria, 22-23-24 maggio 2001, Reggio Calabria, 2004 (in press).

Mi ricordo la prima discussione seria con Eugenio che era nel 1977, andavamo in autobus al congresso internazionale sulla prospettiva, verso Mantova. Lui parlava sulla storia della prosettiva, su un museo di prospettiva e io ho chiesto: ma dov’è questo museo? Era tanto vivo che ero convinto che esisteva già: infatti era un progetto suo per Sansepolcro. Questo, in noce, era questo signore incredibile che aveva una visione del futuro che segnalava in maniera strana e allo stesso tempo era sempre consapevole del passato. Oggi abbiamo avuto contributi favolosi; io voglio prendere qualche esempio della computer grafica per farvi vedere una parte la fantascienza della presenza e allo stesso tempo farvi pensare in maniera critica perché questa speranza nella tecnologia e allo stesso tempo mettere tutto in dubbio era indubbiamente quello che era il cuore di Eugenio.

Dunque incomincio per farvi vedere qualche esempio della computer grafica nell’ architettura moderna, come quell’esempio di Bentley Systems di Charlotte (North Carolina), su quello di Mississauga, anche di Bentley Systems, di una fattoria moderna, quello per una proposta Holiday Inn e non si sa se è già costruito o va ad essere costruito, problemi metodologici che come questo sono moltissimi. Stanno adesso non solamente costruendo edifici, satnno per simulare anche tutta la città come Philadelphia è un esempio come questo, il cosidetto “Model City Philadelphia”. Questo solamente per ingegnatura, perché io mi interesso a questa storia e qui uno dei primi grandi lavori era inquanto Cluny e voglio solamente tracciare gli ultimi 11 anni di questa storia con qualche esempio interessante. Perchè nel 91 c’era Cluny con l’Institut National de l’Audiovisuel), che interessava l’IBM; loro hanno dato molti soldi, hanno fatto ricerche incredibili e hanno prodotto uno dei primi grandi ricostruzioni virtuali che esisteva, quella di Cluny. Era molto imponente, poi hanno fatto i concordi a Cluny con il Centre d’Enseignement et de Recherche ed è diventato ancora più favoloso, impressionante con le luci e tutto quanto in esempi come questi.

Molto impressionante anche con una guida virtuale, impressionantissimo, fino al punto che solamente si accorgeva che era fatto tutto sulle teorie di un americano che non sapeva niente della storia. Dunque la Nieder Ősterrecihische Landesregierung, Abteilung Kultur und Wissenschaft ha fatto un’altra prova, un esempio come questo e anche quello e anche quello (sta mostrando diapositive), poi i tecnici dell’Università Tecnica di Darmstadt ha fatto un terzo abbozzo: esempio come questo, quello (sta mostrando diapositive) e poi Walder und Trueb Enginering, ha fatto questo e l’ha messo anche in contesto virtuale come fossero state originalmente.


Read full article